Palermo: Tiscione ad un passo. L'attaccante è disposto a mille sacrifici pur di coronare il suo sogno: il punto

SEGUI TUTTOSERIED.COM, IL PRIMO SITO DEDICATO ALLA SERIE D. PORTALE DEL NETWORK TUTTOMERCATOWEB
20.11.2019 13:45 di Marco Piccinni   Vedi letture
Filippo Tiscione
Filippo Tiscione

Che fosse un grande tifoso del Palermo, Filippo Tiscione, non l'ha mai disconosciuto, anzi; il 33enne funambolo siciliano, ha sempre riconosciuto quanto smisurata sia la sua fede nei confronti della realtà rosanero. E assieme a questo, ha sempre sostenuto come quello di giocare con indosso la maglia delle Aquile, sia un sogno che porta dentro sin da piccolo e che speri di realizzare prima di terminare la propria carriera.
Un desiderio che nelle prossime settimane potrà finalmente compiersi, soprattutto grazie alla ferma volontà del Calciatore, disposto a tutto pur di entrare a far parte dell'organico rosanero.
Neanche dieci giorni addietro è giunta la separazione consensuale tra Tiscione ed il Casarano Calcio, ufficialmente giustificata parlando di "insorgenti motivi familiari". Ed effettivamente, la mancanza della famiglia e soprattutto dei necessari stimoli, ha indotto il Calciatore a dire addio al sodalizio rossazzurro, dove non sarà di certo rimpianto, ma dove sarà comunque ricordato come un atleta di grande spessore, presentatosi al tifo casaranese con una splendida doppietta siglata in pieno Agosto a Nardò, nello sfortunato Preliminare di Coppa Italia di Serie D. Da lì in poi, il pubblico del "Giuseppe Capozza" ha intravisto lampi di classe assoluta, alternati a momenti di "vuoto", dovuti senza dubbio all'assenza degli stimoli necessari per continuare un'avventura che presupponeva la sussistenza di motivazioni che Tiscione, evidentemente, non aveva. Ed è per questo che, da uomo onesto e molto corretto, ha preferito rinunciare ad un contratto a cifre molto, molto importanti, piuttosto che rimanere in un contesto dove non gli mancava nulla, ma "tutto" al tempo stesso.
È tornato nella sua Sicilia, dalla sua famiglia, e un giocatore del suo calibro è inimmaginabile che possa restar fermo sino a Giugno ed è per questo che, dallo scorso 12 Novembre, si sono scatenati i rumors più disparati circa il suo prossimo futuro.
L'entourage del trequartista classe '85, (34 primavere il 9 Dicembre p.v.), negli ultimi giorni ha ricevuto un numero impressionante di chiamate da ogni parte della Sicilia. Licata, Biancavilla, ACR Messina e Marsala in Serie D, Sicula Leonzio in C e anche le ambiziose Akragas e Ragusa in Eccellenza; queste, sono solo alcune delle Società che hanno avuto approcci più o meno concreti con chi gestisce gli interessi del ragazzo.
Da tutto questo però, è emerso un dato chiaro ed inconfutabile: Tiscione ha elegantemente rispedito al mittente ognuna delle proposte ricevute. E non perché nessuno sia riuscito a proporgli la tipologia di ingaggio che percepiva a Casarano, (dato comunque non trascurabile), quanto perché nella testa del giocatore ci sia solo e soltanto il Palermo.
Con i Direttori rosanero Castagnini e Sagramola c'è già stato un contatto abbastanza concreto. Sembrerà paradossale, ma per quanto Tiscione rappresenti un autentico lusso per la Categoria, è stato il Calciatore stesso a cercare il Palermo, molto più di quanto abbia fatto in realtà la Società panormita. Il Club, di fronte a questa soluzione, ha manifestato un certo interesse, con una determinazione piuttosto flebile, ma pur sempre consapevole che il reparto avanzato abbia bisogno di rinforzi, oltre al fatto che, per raggiungere l'obiettivo stagionale, sia opportuno sfruttare il mercato invernale facendo il massimo per poter conservare il primato nel Girone I sino a Maggio.
Con l'Agente di Tiscione si è parlato anche di ingaggio e fa specie dover constatare che l'offerta fatta dalla Proprietà al Calciatore, sia nettamente inferiore a quelle fatte da altri Club e ben lontana dalle cifre che lo stesso percepiva nel Salento. Ma la sua voglia di vestire il rosanero è talmente grande, che l'ingaggio da percepire è divenuto un vero e proprio "dettaglio irrilevante". Nel momento stesso in cui Tiscione ha rinunciato al lauto contratto in essere con il Casarano, ha maturato l'idea che sarebbe stato quasi impossibile andare a firmare un altro contratto di quel genere, ragion per cui non sarà difficile venire incontro alle esigenze del Club di Patron Mirri, accettando qualunque tipo di offerta, a maggior ragione se ciò significhi legarsi finalmente alla sua squadra del cuore, coronando uno dei suoi più grandi sogni.
Il mancato "entusiasmo" da parte del Palermo nel volerlo cercare senza troppa determinazione, sarà lui stesso a disinnescarlo con le sicure prestazioni sul campo. E con quella maglia addosso, le motivazioni che non ha ritrovato altrove, diventeranno enormi e spropositate all'ombra del "Barbera". I tifosi sognano il suo arrivo. Da giorni, a Palermo, non si fa che parlare di questa possibilità e gli appassionati rosanero si sono dimostrati entusiasti, immaginando le Aquile con un Tiscione in più là davanti. Un "desiderio" non più tanto irreale, perché, salvo imprevedibili colpi di scena, per il coronamento del sogno del funambolo palermitano, è veramente ormai solo questione di tempo.