Palermo: ambiente scosso dal gravissimo infortunio occorso a Gianmarco Corsino

SEGUI TUTTOSERIED.COM, IL PRIMO SITO DEDICATO ALLA SERIE D. PORTALE DEL NETWORK TUTTOMERCATOWEB
05.11.2019 16:30 di Marco Piccinni   Vedi letture
Palermo: ambiente scosso dal gravissimo infortunio occorso a Gianmarco Corsino

In un momento in cui si stavano dispensando solo e soltanto sorrisi, lo spogliatoio del Palermo è rimasto fortemente scosso dall'infortunio occorso a Gianmarco Corsino durante la seduta di allenamento di ieri. L'immediata diagnosi determinata dagli appositi esami strumentali, non ha lasciato spazio ad alcun dubbio; "trauma distorsivo del ginocchio sinistro con lesione del legamento crociato anteriore". Previsti nei prossimi giorni ulteriori approfondimenti medici, ma sarà inevitabile che il 28enne centrocampista palermitano si sottoponga ad un trattamento chirurgico in tempi ristretti. Sfortunatissimo questo ragazzo dal gran cuore, apprezzato da tutto l'ambiente, nonostante in campo non abbia avuto lo spazio che immaginava di potersi ritagliare. Nel frattempo, si sono sprecati i messaggi e gli attestati di stima da parte di compagni, colleghi e addetti ai lavori.
Andrea Accardi, attraverso il suo Profilo Instagram, scrive: "Sei sempre stato un esempio per tutti noi e continuerai ad esserlo, perché tornerai più forte di prima. Ti voglio bene amico mio!!".
Stesso Social utilizzato da Danilo Ambro per dedicare un pensiero al numero sette rosanero: "Tornerai più forte di prima amico mio! Forza, siamo tutti con te!".
Vicinanza dimostrata con i fatti e anche pubblicamente dalla stessa Società rosanero che, attraverso i propri canali comunicativi, scrive: "Forza Gianmarco, tieni duro! Ti aspettiamo!".
Questi, sono solo alcuni dei tantissimi messaggi ricevuti dal classe '91 siciliano, che saranno senza dubbio spunti incoraggianti in un momento triste, che la squadra vuole "abbattere" centrando l'undicesimo successo consecutivo che, qualora arrivasse, avrebbe già pronta una dedica voluta, collettiva e piena di bei significati.