Girone I: solo un pari per il Palermo a Palmi. Prove super delle due messinesi. Colpaccio Licata. Giugliano e Savoia da favola

SEGUI TUTTOSERIED.COM, IL PRIMO SITO DEDICATO ALLA SERIE D. PORTALE DEL NETWORK TUTTOMERCATOWEB
17.11.2019 23:30 di Marco Piccinni   Vedi letture
Girone I: solo un pari per il Palermo a Palmi. Prove super delle due messinesi. Colpaccio Licata. Giugliano e Savoia da favola

Va in archivio la 12ª Giornata nel Girone I di Serie D, un Turno che ci ha regalato degli spunti molto interessanti, oltre ad uno stravolgimento totale dell'attuale zona Play-Off.
Il risultato che balza all'occhio prima di tutti gli altri è certamente quello maturato al "Giuseppe Lopresti" di Palmi tra la Palmese e la capolista Palermo. Ci si attendeva un pronto riscatto dei rosanero dopo la sconfitta interna di Domenica scorsa contro il Savoia, invece, i ragazzi di Mister Rosario Pergolizzi, sono stati fermati sullo 0-0 dai coriacei e coraggiosi padroni di casa, autori di una prova d'orgoglio non indifferente, a dimostrare quanto non sia del tutto indicativo il divario di ben 25 punti dalla compagine siciliana. Campo ostico per chiunque il "Lopresti", ne sanno qualcosa anche Bari e Turris, le due corazzate presenti in questo Girone lo scorso anno e che a Palmi non riuscirono a segnare neppure un gol. 0-0 per i Galletti; sconfitta per 1-0 per la formazione corallina, in un impianto dove le "grandi" faticano in maniera evidente. Gara che dunque porta in dote un solo punto ad entrambe le contendenti, con la Palmese che rimane sul fondo della classifica con 6 punti, ma con rinnovate speranze ed una notevole carica di autostima. Per il Palermo invece, non proprio una giornata indimenticabile e che di "buono" ha visto solo il mantenimento del cospicuo divario di 8 punti sulla seconda in classifica, da quest'oggi da identificare nel Savoia.
Che gli oplontini fossero a pieno titolo una delle più accreditate "anti-Palermo" lo si sapeva sin dal precampionato, lo si è capito ancor di più a margine dello successo del "Barbera" e se n'è avuto la conferma quest'oggi, nel Derby vinto in maniera secca ed inappuntabile, al "Giraud", contro il Nola di Gianluca Esposito. 2-0 il punteggio in favore dei bianchi, grazie alla rete di pregevole fattura firmata da Tascone al 40' e all'ormai consueta zuccata del giustiziere del Palermo Diakitè, in apertura di ripresa. Nulla da fare per i bruniani, in piena crisi, con quattro KO nelle ultime cinque, precipitati in zona Play-Out con soli 13 punti conquistati. Anche a Torre Annunziata sono apparsi ancora una volta solidi e compatti dalla cintola in su, ma alquanto sterili là davanti, al netto delle comprensibili difficoltà che chiunque incontrerebbe in questo momento affrontando l'undici di Carmine Parlato, da stasera seconda forza del Girone in solitaria con 23 punti, 8 in meno rispetto al Palermo e con un solo KO subito nelle prime dodici gare di campionato.
In una Domenica in cui la seconda, la terza e la quarta sono state scavalcate da quinta, sesta e settima, stravolgendo di fatto la zona Play-Off, non si può che sottolineare il colpaccio del Licata che ha espugnato l'ex "Tupparello", adesso Stadio "Aci e Galatea" di Acireale, vincendo 1-0 grazie al calcio di rigore trasformato da Cannavò al minuto 41 del Primo Tempo. Secondo successo consecutivo per i gialloblù, dimostratisi ancora una volta solidi, cinici, quadrati e competitivi, bravi a violare il campo di un Acireale lontano parente di quello ammirato nelle primissime Giornate. Per i granata un solo successo nelle ultime cinque e una grande amarezza a margine di un Derby molto sentito, perso tra le mura amiche non senza qualche polemica nei confronti del Direttore di Gara e che fa il paio con il pesante 3-0 subito a Foggia, Mercoledì scorso, in Coppa Italia di Serie D. Capitan Savanarola e compagni sono scivolati dal secondo al quinto posto, scavalcati anche dal Licata che ora è quarto pur avendo gli stessi punti della compagine acese (21), con cui però c'è l'odierno scontro diretto a fare la differenza.
Al terzo posto in graduatoria si è issato uno straordinario Giugliano. Sesto successo in altrettante gare interne disputate, con il "Vallefuoco" di Mugnano che si sta rivelando fortino inespugnabile, (18 dei 22 punti totali sono stati raggranellati in casa). Avversario di turno il malcapitato Corigliano Calabro di Mister De Sanzo, che continua ad onorare un campionato purtroppo fortemente condizionato dalle note e tristi vicende societarie, nonostante le quali i calabresi si "ostinano" a battagliare ogni Domenica, con un senso d'onore e di responsabilità non comuni. E anche quest'oggi i biancazzurri hanno dato fondo alle proprie risorse, passando addirittura in vantaggio a Mugnano, al 20', con un destro di Capitan Cosenza. Punteggio che però durerà giusto un giro di lancette, perché, appena 60 secondi dopo, il Giugliano pareggia i conti con un eurogol di Ruggiero. Al 36' passano in vantaggio i Tigrotti con un'autentica perla di Caso Naturale. 2-1 per i gialloblù all'Intervallo e ripresa che si rivelerà senza troppa storia, con i campani ancora in rete due volte con De Vena (51' e 80') e con il classe 2000 Orefice, talento che in pieno recupero sigla il 5-1 definitivo, propiziato da un gioiello di Alvino. Non c'è stato veramente nulla da fare per il Corigliano, uscito da questo match con le ossa rotte, inchiodato al penultimo posto con 8 punti e con un futuro sempre più buio ed incerto all'orizzonte. Terzo successo consecutivo invece per i ragazzi di Massimo Agovino, la squadra in assoluto più in forma del momento nel Girone I, nonché attuale terza forza del campionato a meno uno dal Savoia secondo; e Domenica prossima è in programma proprio un meraviglioso ed infuocato Savoia-Giugliano.
Giornata decisamente positiva per le due compagini messinesi, vittoriose su quelle che fino ad oggi erano la terza e la quarta in classifica, ovvero Biancavilla e Troina. I gialloblù etnei non vincono da quattro Turni e sono reduci da un netto 2-0 sul campo dell'ACR Messina, andato in rete con Orlando al 29' del Primo Tempo e con Coralli al 5' della ripresa. Per i peloritani sembra funzionare la "cura Zeman", capace di vincere le prime due gare da quando si è insediato sulla panchina giallorossa. Un 2-0, quello maturato quest'oggi, che non ammette repliche e che poteva riservare un divario ancor più ampio per quanto visto sul terreno di gioco. E se il Biancavilla di Mister Mascara si è ritrovato fuori dalla zona Play-Off, l'ACR è ora ad un solo punto dal quinto posto e a tre lunghezze dal Savoia secondo. Sembra incredibile, ma tra gli oplontini secondi con 23 punti e l'ACR ottavo con 20, ci sono ben sette squadre in soli tre punti. Nella parte alta della classifica è dunque vera e propria bagarre, nella quale spera di rientrare anche l'FC Messina, nono a quota 17, quest'oggi corsaro in quel di Troina, a margine di una gara che ha segnato l'esordio di Mister Ernesto Gabriele sulla panca giallorossa. E non ci poteva essere un debutto migliore di questo; secco 3-0 al "Silvio Proto" firmato da Bevis al 2', Carbonaro al 25' e Domenico Marchetti al 29' della ripresa. Prestazione di altissimo livello da parte dei peloritani, ora quattro lunghezze più indietro rispetto alle posizioni che significano spareggi-promozione, mentre per il Troina sono due le battute d'arresto consecutive, che fanno scivolare i rossoblù di Mister Boncore dal quarto al settimo posto in classifica.
Due altre formazioni che stanno attraversando uno straordinario periodo di forma sono Marsala e Castrovillari. I lilibetani non sono riusciti a battere il Marina di Ragusa, con i rossoblù ospiti che sono stati bravi ad imporre un pari a reti bianche tutto sommato giusto per ciò che si è visto sul rettangolo di gioco del "Lombardo-Angotta". Quinto risultato utile consecutivo per i ragazzi di Salvatore Utro, mentre per la banda di Vincenzo Giannusa prosegue il periodo altrettanto positivo, in attesa del recupero del match in casa del San Tommaso, che si disputerà fra tre giorni e che, in caso di vittoria, porterebbe gli azzurri a soli tre punti dall'attuale zona Play-Off.
Anche il Castrovillari, come detto, è in una fase di grande ascesa. Con tre vittorie nelle ultime cinque uscite, i ragazzi di Mister Marra si sono tirati fuori dalla "zona rossa", raggiungendo la metà della graduatoria con 16 punti, tre dei quali sono arrivati nel Derby giocato questo pomeriggio tra le mura amiche contro la Cittanovese di Francesco Ferraro. 2-0 il finale in favore dei Lupi, maturato grazie alla doppietta siglata dal classe 2001 Domenico La Ragione, in gol al 23' ed al 31' del Primo Tempo. Due segnature che fanno dell'attacco del Castro il secondo più prolifico dell'intero Girone, dietro solo a quello del Palermo. E se per i rossoneri il "peggio" sembra essere passato, altrettanto non si può dire di una Cittanovese che con quattro sconfitte nelle ultime cinque è in piena zona Play-Out, nonostante le premesse di inizio Stagione fossero ben diverse da quelle che stanno caratterizzando questa fase del tutto critica per i giallorossi.
Non naviga in acque tranquille neppure il San Tommaso, sconfitto a Montemiletto da un Roccella Jonica corsaro, quadrato e finalmente anche concreto là davanti. Vincono 2-0 i calabresi segnando un gol per tempo, con Leveque nel Primo e Leonardi nel Secondo Tempo, in un match inevitabilmente condizionato dall'inferiorità numerica degli irpini di Mister Liquidato arrivata dopo soli 21' di gioco. Preoccupa il terzultimo posto occupato dai Grifoni, a cui il successo manca ormai da cinque gare e per i quali, il Recupero infrasettimanale con il Marsala, diventa un appuntamento più che cruciale. Gioiscono invece gli amaranto di Ciccio Galati, che abbandonano l'ultima posizione, si mettono alle spalle ben tre squadre e vedono la zona salvezza, lì, a sole quattro lunghezze.
Un Turno quindi estremamente ricco di emozioni e che delinea una classifica cortissima sia nella parte alta, sia in quella bassa, con una prossima Giornata che si preannuncia ancor più spettacolare, nella quale i fari saranno inevitabilmente puntati su due super Derby come quello siculo tra Palermo ed ACR Messina e quello campano tra Savoia e Giugliano.


Risultati 12ª Giornata di Andata - Girone I:

Acireale-Licata  0-1
ACR Messina-Biancavilla  2-0
Castrovillari-Cittanovese  2-0
Giugliano-Corigliano Calabro  5-1
Marsala-Marina di Ragusa  0-0
Palmese-Palermo  0-0
San Tommaso-Roccella Jonica  0-2
Savoia-Nola  2-0
Troina-FC Messina  0-3


Classifica Girone I (dopo 12 Giornate):

1) Palermo  31 pt.
2) Savoia  23 pt.
3) Giugliano  22 pt.
4) Licata  21 pt.
5) Acireale  21 pt.
6) Biancavilla  21 pt.
7) Troina  21 pt.
8) ACR Messina  20 pt.
9) FC Messina  17 pt.
10) Castrovillari  16 pt.
11) Marsala  15 pt.  (Una gara in meno)
12 Nola  13 pt.
13) Cittanovese  13 pt.
14) Marina di Ragusa  11 pt.
15) Roccella Jonica  9 pt.
16) San Tommaso  8 pt.  (Una gara in meno)
17) Corigliano Calabro  8 pt.
18) Palmese  6 pt.


Recupero 10ª Giornata Girone di Andata - Girone I:

Marsala-San Tommaso  Mercoledì 20/11 - ore 14:30


Prossimo Turno (13ª Giornata di Andata - Girone I):

Biancavilla-Castrovillari
Cittanovese-Marina di Ragusa
Corigliano Calabro-Troina
FC Messina-Marsala
Licata-San Tommaso
Nola-Acireale
Palermo-ACR Messina
Roccella Jonica-Palmese
Savoia-Giugliano.