Girone E, consueto grande equilibrio: 8 squadre in 4 punti

07.10.2019 21:00 di Stefano Scarpetti   Vedi letture
Pallone, foto di archivio
Pallone, foto di archivio

Il girone E sembra ricalcare quello della scorsa stagione, che soprattutto all'inizio vedeva dominare un grande equilibrio in testa: più squadre si alternavano in testa alla classifica, prima dello scatto decisivo della Pianese verso il successo finale. il canovaccio in questo primo scorcio di stagione è il solito, in testa troviamo una neopromossa: il Grosseto, ma parlare di sorpresa non sarebbe giusto in considerazione dell'importanza della piazza e dell'organico a disposizione del tecnico Magrini, i biancorossi stanno mostrando grande solidità e capacità di soffrire, fra l'altro - insieme all'Albalonga- è imbattuta, fra le mura amiche sta costruendo un autentico fortino frutto di un attacco abbastanza prolifico (8 reti) e una difesa davvero granitica (3 gol al proprio passivo). ad un solo punto c'è un altra squadra proveniente dall'Eccellenza regionale, il Foligno, curiosamente la truppa di Armillei ha subìto l'unica battuta d'arresto proprio a Grosseto, e ha una serie aperta di tre vittorie consecutive. L'unica favorita della vigilia a mantenere il proprio ruolo è il Monterosi, i laziali stanno condividendo il secondo posto proprio con gli umbri frutto di 4 vittorie, 1 pareggio e una sola sconfitta (quella maturata fra le mura amiche con il Grassina). 

Fra le sorprese da segnalare la presenza nei quartieri alti dell'Albalonga a 12, di Scandicci grazie ai 16 centri è la squadra più prolifica del girone, probabilmente anche quella capace di esprimere il calcio migliore, bene anche Ponsacco e Sangiovannese, grazie all'ottimo rendimento interno - soprattutto i valdarnesi- stanno andando per il momento oltre le aspettative. Fra le delusioni sicuramente Follonica Gavorrano è quella maggiore, i maremmani erano candidati maggiori alla vittoria del campionato, adesso si trovano distanziati di sette lunghezze e il San Donato Tavarnelle che fatica molto in trasferta. Lascia stupiti lo 0 in classifica del Tuttocuoio, squadra sulla carta in grado di fare un buon campionato ma che non è riuscita ad ingranare, di queste ore l'arrivo di Pietro Infantino al posto di Nico Scardigli sulla panchina dei toscani.