Casarano: parla Antonio Filograna Sergio, Presidente della Leo Shoes, main sponsor del Club rossazzurro

SEGUI TUTTOSERIED.COM, IL PRIMO SITO DEDICATO ALLA SERIE D. PORTALE DEL NETWORK TUTTOMERCATOWEB
05.11.2019 19:45 di Marco Piccinni   Vedi letture
Casarano: parla Antonio Filograna Sergio, Presidente della Leo Shoes, main sponsor del Club rossazzurro

Fa sentire la propria voce il Presidente della Leo Shoes, nonché main sponsor del Casarano Calcio, Antonio Filograna Sergio. L'imprenditore casaranese ha inteso fare il punto della situazione in seno al Club rossazzurro, facendosi portavoce della Società in un momento particolarmente delicato, dove si è deciso di interrompere il rapporto professionale con Mister Pasquale De Candia e dove il disappunto immotivato e fuori luogo manifestato negli ultimi tempi da una parte della tifoseria, meritava certamente un'adeguata replica da parte dei vertici societari.
All'interno del messaggio a firma di Antonio Filograna Sergio, si affrontano vari temi tra cui quello del sofferto addio da una persona perbene e competente come Pasquale De Candia, ma soprattutto si esprime la forte e sacrosanta contrarietà nei confronti di coloro i quali si stanno rendendo protagonisti di messaggi di critica eccessiva e denigratoria nei riguardi di una dirigenza tanto appassionata e sicura del percorso intrapreso, quanto determinata a cedere il passo ad eventuali investitori che vogliano subentrare alla guida del Club, qualora si continuasse a registrare questo atteggiamento ostile e gravemente offensivo nei confronti di squadra e Proprietà.
Parole dure, legittime e che servono da monito per una tifoseria storicamente passionale ed esigente, ma che proprio adesso dovrebbe stringersi attorno ad una squadra che magari non starà eccellendo, ma che non sta neanche disonorando la gloriosa maglia rossazzurra. Ci vuole tempo e pazienza per raggiungere un obiettivo che, come ha ribadito recentemente il Presidente Maci, "forse non si realizzerà a breve termine, ma si realizzerà". E una cosa è certa, Casarano e i casaranesi devono tenere stretta a se' una Società che ha le basi e tutte le peculiarità per far tornare il grande Calcio all'ombra del "Capozza", la stessa Società che avrebbe l'assoluta facoltà di tirarsi indietro nel momento in cui dovesse scontrarsi con un ulteriore, esagerato dissenso che vada ben oltre un ragionevole diritto di critica. E di questi tempi, disperdere un simile patrimonio e una simile opportunità non gioverebbe a nessuno, anzi.

Di seguito il messaggio integrale diffuso dal Presidente di Leo Shoes, Antonio Filograna Sergio.

"Gli ultimi due giorni non sono stati semplici, calcisticamente parlando, ed hanno richiesto una riflessione attenta ed approfondita! Le scelte nella vita a volte non sono semplici ed implicano analisi ponderate e sopratutto costruttive! Cambiare non sempre è facile perché richiede coraggio e lungimiranza!
Noi tutti, e parlo a nome della Società...da sempre abbiamo a cuore un’idea, un progetto, per i quali stiamo profondendo energie, sacrificio, tempo e denaro!
È compito di tutti noi non disperdere tutto ciò che abbiamo voluto creare, costruire e portare avanti con investimenti importanti che dessero lustro sopratutto alla nostra città, ma quando le decisioni si rendono necessarie non abbiamo nessuna paura ad affrontare le situazioni, sopratutto quelle più delicate! Il rispetto per le persone nel mio credo, viene prima di ogni cosa e sarà sempre così!
La Società ha pensato ed ha ritenuto necessario un cambiamento tecnico, non perché il signor De Candia non fosse all’altezza del compito affidatogli, ma perché in un momento particolare come quello attuale, si richiedeva una presa di posizione per poter cambiare il corso delle cose! Tutto questo attiene solo ed esclusivamente a questioni tecniche e non scalfiscono minimamente lo spessore e la professionalità del Mister, persona seria e competente, sempre disponibile al dialogo! Conserveremo per sempre un bellissimo ricordo di un rapporto di lavoro ottimo e tutto ciò che è stato realizzato in oltre un anno di collaborazione rimarrà alla storia del Calcio di Casarano!
Ma ora è il momento di cambiare pagina e di scrivere un altro libro che crediamo e speriamo possa essere ancor di più vincente!
Colgo l’occasione però, per significare l’atteggiamento che definisco offensivo ed oltraggioso di alcuni tifosi, pseudo tifosi, ecc., che ahimè forse godono nel vedere le cose andare male!
Siamo consapevoli che Casarano non sia una piazza semplice, non lo è mai stata nel passato e non lo è ancora oggi, ma Casarano è la mia città, la nostra città, la mia vita, la nostra vita!
Tutto questo mi spiace, perché questo non è il mio personale modo di vivere lo sport ed il Calcio! Per il Calcio si gioisce e si piange...ma tutto deve rimanere sempre nei limiti della sana civiltà educativa! Vivere lo sport significa educazione, rispetto e disciplina a 360 gradi e non solo quando si vince, ma sopratutto quando si perde! Se non si impara ad accettare le sconfitte...non si può godere per le vittorie!
Da sempre ho accettato le critiche, le contestazioni costruttive e positive, ma ho sempre rimandato al mittente le offese denigratorie! Alla mia età non posso cambiare e resterò sempre così nel bene e nel male!
Ho la “sfortuna” però di leggere i Social e sopratutto di vedere tutte le varie teorie da parte di tutti. Non mi sono mai interessati i “salamalek” perché ritengo che dalle critiche si possa imparare a migliorare, ma non accetto nel modo più categorico che nessuno possa ergersi a paladino di cause e decisioni che non competono se non alla Società!
Si può accettare o non accettare, si può criticare liberamente...ma allo stadio si va non per scaricare tensioni di altra natura, ma per difendere la propria città e la propria bandiera!
Leggere alcuni Comunicati del tipo “Non vi sopportiamo più!”, “Ora Pretendiamo!”...ecc, ecc...mi fa accapponare la pelle...mi crea un tale disgusto, che solo per il mio sano equilibrio non mi fa andare oltre!
Un bel bagno di umiltà non guasterebbe a qualcuno, anzi, farebbe riflettere meglio che il “giocattolo” si può rompere stante queste condizioni!
Se tutto ciò non è lecito aspettarselo, sarò il primo, e con me tutti coloro che sono stati offesi e denigrati, a lasciare il passo ad altri che possano essere, lo spero, più competenti e lungimiranti di noi!
Nella vita nessuno è eterno...figuriamoci se io e la Società lo siamo! Le persone passano, ma l’amore per Casarano e per il Casarano noooooo...rimarrà intatto nonostante tutto e tutti!".