Arzachena, i guai per gli smeraldini sembrano non finire più

08.10.2019 13:30 di Lorenzo Chiariello   Vedi letture
Arzachena, i guai per gli smeraldini sembrano non finire più

Arzachena, parliamoci chiaro, che succede? Che qualcosa non vada è più che evidente. Guardando la stagione in corso, 5 punti in 6 giornate, non rappresentano la migliore delle partenze e la zona rossa è ad appena 1 punto più sotto. Proprio da quelle parti viene il prossimo avversario dei biancoverdi. Città di Anagni ha infatti la concreta possibilità di prendere un po' di respiro e rientrare, almeno per il momento, tra le quattro che si giocherebbero l'ultimo posto per rimanere in Serie D. Se facciamo un passo indietro però, la situazione in casa smeraldina diventa sì, più strana ma pare anche auto giustificarsi. A Luglio scorso si è consumato l'ennesimo "dramma sportivo" del nostro calcio e il copione è sempre lo stesso.

C'è l'iscrizione ma alcuni documenti mancano ed altri si presentano incompleti, il risultato è quello più temuto, l'esclusione dalla Serie C ma il tutto è cosa nota. Il mercato prolifico in più e il ponte con La Spezia, avevano fatto incrociare le dita e la delusione di questa prima parte di campionato è tangibile. A disposizione di mister Mauro Gorico ci sono un attacco che fatica con sole 4 reti all'attivo e una difesa che arranca con 7 reti concesse, più di una a gara, Il tutto come dimostrano i numeri, sono ingredienti di una ricetta che rischia di essere nuovamente indigesta.

"Chi è causa del suo mal, pianga sé stesso", verrebbe da dire. A pagare le conseguenze di determinate situazioni però, ora come ora, sembrano solamente essere calciatori e tifosi. Il verde è il colore della speranza e a questo punto si spera che l'Arzachena non alzi bandiera bianca.