Ancora 33 delle 166 formazioni di Serie D, conservano almeno uno zero nella propria classifica

21.01.2020 23:30 di Marco Piccinni   Vedi letture
Ancora 33 delle 166 formazioni di Serie D, conservano almeno uno zero nella propria classifica

Andata in archivio la 20ª Giornata di Campionato per quanto concerne sette Gironi e la 23ª per quelli B e C, è andata anche ad aggiornarsi la particolare statistica che contempla quelle compagini che, dall’inizio della Stagione 2019/20 ad oggi, continuano a veder campeggiare almeno uno "zero" nelle rispettive classifiche.
Sono ancora 33 su 166, le formazioni coinvolte in questo senso e, tra queste, sono indubbiamente le due uniche totalmente imbattute ad esser maggiormente meritevoli di menzione, proprio per non aver ancora conosciuto il sapore amaro della sconfitta. Parliamo naturalmente di Mantova e Turris, autentiche corazzate e capolista rispettivamente nei Gironi D e G, con 46 punti i virgiliani (13 vittorie e 7 pareggi) e con 48 i corallini (14 successi e 6 pari).
Chiaramente gli "zeri" per queste squadre sono due, ossia quelli inerenti le sconfitte interne e quelli riguardanti i KO esterni.
Per analizzare le altre 31 compagini coinvolte in questa determinata statistica, partiamo dal Girone A, dove lo "zero" campeggia nelle classifiche delle sole Casale e Seravezza Pozzi, che identificano quel numero con il totale delle sconfitte subite tra le mura amiche. Sia i piemontesi (7 vittorie e 4 pareggi), sia i toscani (3 successi e 6 pari), sono infatti imbattuti in casa e stanno costruendo le rispettive fortune davanti al proprio pubblico.
Nel Girone B, è a quota "zero" vittorie interne il Milano City. Un autentico tabù quello della formazione granata, che a Busto Garolfo (7 pareggi e 4 sconfitte in 11 gare), non ne vuole evidentemente sapere di andare incontro al primo successo. Viceversa, Villa D’Almè Valbrembana e Levico Terme, sono ancora a "zero" successi esterni. Giallorossi con sette pari e quattro battute d’arresto, trentini con sei segni 'X' e altrettanti KO lontano da casa.
Nel Girone C troviamo uno "zero" nella casella relativa alle sconfitte interne di Campodarsego e Legnago Salus. Le prime due nella classifica di questo raggruppamento, sono anche le uniche che finora son riuscite a mantenere inviolato il proprio fortino. Sono cinque i successi della capolista, a cui si aggiungono sei pareggi; per i veronesi invece, stesso numero di vittorie del Campodarsego, ma con un pari in più. A quota "zero" anche Vigasio e Villafranca Veronese; i primi aspettano ancora di centrare un pareggio interno (5 vittorie e 6 sconfitte), mentre i secondi sono ancora l’unica formazione a secco di successi in trasferta (6 pari e 5 battute d’arresto).
Nel Girone D, detto del super Mantova, c’è da segnalare lo "zero" presente nella casella inerente i successi casalinghi della Savignanese (4 pareggi e 6 sconfitte), squadra che ha raccolto in trasferta 12 dei 16 punti sin qui raggranellati. "Zero" anche per quanto concerne le sconfitte esterne della sorprendente Correggese (6 successi e 4 segni 'X'), terza in classifica e con un rendimento in trasferta da promozione diretta. Sono "zero" anche i pareggi fuori casa della Calvina Sport (5 vittorie e 4 sconfitte), formazione in generale refrattaria alla divisione della posta domenicale in palio, con soli due pareggi su venti gare sin qui disputate.
Nel Girone E sono tre le squadre a secco di sconfitte interne; si tratta di Grosseto (8 vinte e 2 pareggiate), Grassina (7 vinte e 4 pareggiate) e Flaminia (5 vinte e 6 pareggiate). "Zero" anche per la Sangiovannese, ma con riferimento ai pareggi maturati al "Virgilio Fedini; ancora nessuno (6 vittorie e 3 KO incassati). Cannara e Tuttocuoio cercano ancora il primo successo lontano dai rispettivi campi di gioco. Per entrambe quattro pareggi esterni, sei invece, le sconfitte subite dal Cannara, sette quelle incassate dai ponteaegolesi. Uno "zero" caratterizza anche la classifica del Ponsacco, che non ha ancora mai pareggiato lontano da casa, vincendo in una sola occasione e perdendo nelle altre dieci.
Nel Girone F uno "zero" si riscontra nelle classifiche di San Nicolò Notaresco e Cattolica San Marino. I primi attendono il pari interno numero uno (8 successi e 2 sconfitte), mentre i giallorossi hanno collezionato cinque pareggi e cinque sconfitte lontano dalle mura amiche, ma ancora nessun successo; da qui lo "zero" che campeggia nella loro classifica.
Nel Girone G, oltre ai molteplici "zeri" che caratterizzano l’attuale Stagione della capolista Turris, si registrano quelli che fanno capolino nelle graduatorie di Sassari Latte Dolce e Ladispoli, con riferimento alle gare pareggiate finora in trasferta, dove i sardi hanno vinto in sei occasioni e perso in cinque circostanze, mentre i laziali hanno brindato due volte al successo, soccombendo nelle restanti nove uscite fuori casa.
Nel Girone H sono solo due gli "zeri" complessivi; uno riguarda le sconfitte interne del Sorrento, con lo Stadio "Italia" rimasto l’unico mai espugnato nell’intero raggruppamento. Sette vittorie e quattro pareggi per i rossoneri costieri, terzi in classifica a soli quattro punti dalla capolista Bitonto, collocati lassù in alto certamente non a caso. A quota "zero" anche il Città di Fasano, per quanto concerne i pareggi finalizzati finora al "Vito Curlo"; sette successi e due battute d’arresto per i biancazzurri tra le mura amiche, dove non si sono ancora conosciute le fatidiche "mezze misure".
Nel Girone I sono ancora sei le compagini che conservano uno "zero" nella rispettiva classifica, a partire dal Palermo capolista, che lontano dal "Renzo Barbera" non ha ancora mai perso, raccogliendo sette vittorie e due pareggi in nove uscite. La vice-capolista Savoia invece, è a quota "zero" battute d’arresto interne (8 vittorie e 3 pareggi), mentre il Troina attende ancora di concretizzare il primo pari tra le mura amiche (6 successi e 3 sconfitte). La Cittanovese è a "zero" pareggi esterni (3 vittorie e 7 KO), invece, per Palmese e San Tommaso manca il tanto agognato successo lontano dal proprio impianto di casa, dove i neroverdi hanno conquistato solo tre pareggi a fronte di sette sconfitte, mentre i Grifoni irpini, hanno pareggiato in due sole circostanze da squadra ospitata, perdendo nelle restanti otto.
Restano quindi 33 su 166, le formazioni con almeno uno "zero" nella propria classifica. Una statistica che per alcune di esse rappresenta un clamoroso tabù, per altre, al contrario, evidenzia un dato eccellente, che si cercherà di preservare con determinazione e grande orgoglio, il più a lungo possibile.