UFFICIALE - Fanfulla: annunciate le riconferme di Davide Bernardini, Haron Mouddou e Yero Tourè. Silvio Dellagiovanna continuerà a ricoprire il ruolo di Team Manager bianconero

08.07.2021 22:17 di Marco Piccinni   vedi letture
UFFICIALE - Fanfulla: annunciate le riconferme di Davide Bernardini, Haron Mouddou e Yero Tourè. Silvio Dellagiovanna continuerà a ricoprire il ruolo di Team Manager bianconero
© foto di L. P. Santi Ph. - ASD Fanfulla

Il Fanfulla ha definito tre importanti riconferme tra i tesserati già presenti nell'organico della Prima Squadra bianconera. A difendere per almeno un'altra stagione i colori del Guerriero saranno Davide Bernardini, difensore classe 2002, Haron Mouddou, attaccante classe 2002, e Yero Tourè, difensore senegalese classe 2002.

Confermato anche Silvio Dellagiovanna nel ruolo di Team Manager del Fanfulla per la stagione 2021/2022, la quinta consecutiva affrontata nel medesimo ruolo per il dirigente e storica bandiera del club lombardo.

Di seguito, i quattro Comunicati Ufficiali redatti e diramati a cura dell'Ufficio Stampa dell'A.S.D. Fanfulla.

- Davide Bernardini:
"Si riparte da Davide Bernardini nella composizione della rosa del Fanfulla per la stagione 2021/2022.
L'A.S.D. Fanfulla comunica ufficialmente di aver trovato l’accordo con il difensore classe 2002 per la prosecuzione del rapporto in vista del prossimo campionato. A dispetto della giovane età, i 19 anni arriveranno il 23 dicembre, Bernardini rappresenta già un caposaldo nell’organico del club di Viale Pavia. Dopo l’esordio nel settembre 2019 nel match della Dossenina con il Forlì, in cui strappò già applausi, il giovane terzino è diventato un giocatore fondamentale negli schemi di Mister Ciceri, divenendo un titolare inamovibile. Ma non per il rispetto della regola degli under, ma grazie alle grandi prestazioni messe in campo domenica dopo domenica. Un impegno suggellato in questa stagione a livello personale dalla prima rete messa a segno con la maglia del Guerriero. Rimarrà nella sua memoria ma anche negli annali della Società la corsa dopo il gol del 2-1 al Brusaporto a pochi minuti dal 90'. La prima gioia in zona gol per lui, la seconda consecutiva per un Fanfulla che arriverà poi a vincere nove partite consecutive risalendo al secondo posto finale. Nella stagione appena conclusa, la prima per intero dopo l’interruzione causa Covid-19 nel 2019/2020, sono state 32 le presenze raccolte, facendone uno dei giocatori maggiormente impiegati per minutaggio. Grande la soddisfazione in tutto l’ambiente bianconero, a partire da Mister Nordi e da Bernardini stesso.
“Inizio subito con il dire che sono molto felice di proseguire questo mio percorso con il Fanfulla. Non sono servite tante parole per riuscire a convincermi a rimanere. Sicuramente per la prossima stagione mi aspetto di provare a replicare, se non fare meglio, il lavoro svolto quest’anno. Tutto qui. Anche se giovane credo di avere delle responsabilità, come credo di avercele avute anche nella stagione appena conclusa. Quello che cambia è che avrò un anno in più e magari le aspettative crescono, ma sono pronto per dare il massimo”".

- Haron Mouddou:
"Prosegue con il suo progetto giovane e di massima fiducia nei suoi prospetti migliori il Fanfulla. Nella giornata di oggi la società bianconera è lieta di annunciare di aver trovato l’accordo con il classe 2002 Haron Mouddou. Il giovane attaccante di Liscate si appresta quindi a vivere la sua terza stagione con la maglia del Guerriero. Arrivato nel 2019/2020 dall’Accademia Inter, Mouddou era stato inizialmente aggregato alla Juniores Nazionale, dove non aveva mancato l’appuntamento con il gol, venendo poi inserito in pianta stabile nella rosa della Prima Squadra, trovando l’esordio nella prima giornata di ritorno sul campo della Vigor Carpaneto. A questa presenza si sommano poi quelle con Desenzano Calvina, Forlì e Sasso Marconi Zola in cui è stato impiegato principalmente come “9” nel classico 4-3-3. Nella stagione appena conclusa invece la prima apparizione è quella del 18 ottobre nel 2-0 sul Seregno, dove gioca gran parte della seconda frazione. L’esordio dal 1' arriva nel gennaio appena trascorso, il 10, nel match perso 1-0 al Restelli di Tavazzano con il Sona. Un mese dopo Mouddou è nuovamente tra i titolari nella vittoria 2-0 sulla Tritium: nell’occasione, impiegato come esterno destro, serve la palla a Spaneshi da cui nasce il rigore trasformato da De Angelis. Tre giorni dopo c’è ancora Mouddou nei titolari in campo a Breno. Sempre a destra nel tridente offensivo, sul finire del primo tempo va anche vicino al gol colpendo la traversa. Sul finire della stagione invece alcuni problemi fisici ne hanno limitato l’utilizzo. La Società ha subito voluto incontrare Mouddou, manifestando la propria fiducia sulle qualità e sui margini di crescita del giovane attaccante in vista del prossimo campionato.
“Sono contento di rimanere a Lodi e continuare a maturare esperienza in una Società con così tanta storia e che ha dimostrato tanto in queste ultime stagioni, dando spazio ai giovani. Penso però anche al mio futuro, voglio giocarmi meglio le mie carte per ritagliarmi più spazio rispetto agli anni scorsi. Cercherò ovviamente allo stesso tempo di imparare e crescere ulteriormente, sia a livello calcistico che personale. Il fatto che la Società non abbia esitato a darmi fiducia e a volermi incontrare non può che rendermi felice e darmi ancora più fiducia. Non vedo davvero l’ora di tornare in campo per lavorare con Mister Nordi e con i miei compagni. Voglio lasciare il segno con la maglia del Fanfulla”".

- Yero Tourè:
"Dopo Bernardini e Mouddou, il Fanfulla rinnova con un altro giovane della propria rosa, il difensore Yero Tourè. Il terzo classe 2002 in altrettanti giorni quindi decide di proseguire con la maglia del Guerriero, con la stessa società di Viale Pavia che esprime massima fiducia nelle qualità del giocatore e nella sua volontà di recitare un ruolo importante nell’organico di Mister Nordi. D’altronde, che il Fanfulla abbia sempre tenuto in grande considerazione le qualità di Tourè è noto. Arrivato nell’estate del 2019 dall’Accademia Inter, ancora 17enne, il giovane difensore originario del Senegal è stato subito impiegato con costanza dall’allora tecnico del Guerriero, Andrea Ciceri. Tanto da esordire da titolare alla sua prima convocazione in Prima Squadra in un match ufficiale, l'1 settembre nell’incontro chiuso sul 2-2 con la Vigor Carpaneto. Gara giocata per intero da Tourè, schierato al centro della difesa al fianco di Pascali. Già in quella partita le qualità del difensore bianconero vennero a galla, con una chiusura che ha evitato un gol già fatto a fine primo tempo e che ancora in molti ricordano. Un biglietto da visita importante quindi, con prestazioni poi replicate nel corso del girone d’andata, dove il campo lo vede con costanza saltando solo un match fino alla decima giornata, andando anche vicinissimo al gol da centrocampo con il Mantova. L'1 dicembre poi, nell'1-1 interno con la Savignanese, l’ultima apparizione. Seguiranno mesi difficili, con un infortunio muscolare che lo ha tenuto lontano dai campi per due mesi. Proprio quando il rientro sembrava ormai prossimo, ecco lo stop dato dal Covid-19. La scorsa estate, la Società ha mantenuto ben salda la volontà di proseguire il rapporto con Tourè. Anche qui la sfortuna torna a fare da padrone, con nuovi problemi fisici che lo tengono nuovamente ai box, non portando a quella continuità tanto desiderata. Dopo l’esordio alla 14esima giornata sul campo del Ponte San Pietro segue infatti un altro infortunio. Il ritorno in campo avviene quindi a maggio, nella vittoriosa trasferta per 5-1 sulla Vis Nova Giussano, a cui fa seguito alcuni giorni dopo la prima da titolare dopo un anno e mezzo nel 3-2 con il NibionnOggiono. Prima dei Play-Off, l’ingresso a partita in corso anche con la Tritium.
Giocatore di indubbia qualità, impiegabile anche come terzino destro oltre che come centrale, suo ruolo naturale, Tourè è pronto ad affrontare la terza stagione con il Fanfulla.
“Non posso che essere felice di rimanere al Fanfulla e ringrazio la Società per aver nuovamente creduto in me. Qui posso proseguire nel mio percorso di crescita in un bell’ambiente, senza pressioni, andando a migliorare tanti aspetti del mio gioco. Però è anche l’occasione giusta questa per dimostrare la mia voglia di riscatto dopo periodi difficili: il desiderio più grande è quello di tornare a giocare con continuità dopo i problemi fisici che mi hanno creato non poche difficoltà negli ultimi due anni. Non vedo l’ora di ricominciare per dimostrare nuovamente quanto valgo e per tornare a dare una mano alla squadra in uno Stadio come la Dossenina”".

- Silvio Dellagiovanna:
"Sarà ancora Silvio Dellagiovanna a ricoprire il ruolo di Team Manager del Fanfulla per la stagione 2021/2022.
La presenza alla presentazione di Mister Omar Nordi non lasciava molti dubbi sulla conferma da parte della Società guidata dal Presidente Luigi Barbati, che ha voluto nella giornata di oggi rendere ufficiale la cosa. Quella che prenderà il via sarà quindi la quinta stagione consecutiva in cui il ruolo di Team Manager della Prima Squadra sarà ricoperto da Dellagiovanna, che si troverà a lavorare a stretto contatto con Mister Nordi, con cui aveva già diviso lo spogliatoio da giocatore. Bandiera e volto storico del Guerriero, Dellagiovanna tutti sapranno come sia ben saldo in vetta alla classifica marcatori all-time dei bianconeri con 176 marcature.
“Sono molto contento di proseguire il mio percorso con il Fanfulla. Abbiamo chiuso un ciclo bellissimo con Mister Ciceri, pieno di soddisfazioni dentro e fuori dal campo. Ora si apre una nuova pagina e sono pronto, così come tutti gli altri del resto, per cercare di mantenere quei risultati ottenuti nel corso degli ultimi quattro anni. Sappiamo tutti che non sarà facile perché quanto dimostrato è sicuramente tanto, ma la volontà e la voglia da parte di ognuno di noi c’è”.
Per lo stesso Presidente Luigi Barbati, una conferma importante: “La permanenza di Silvio per me e per tutto l’ambiente è fondamentale. Rimane con noi un pezzo di storia del Fanfulla, una persona che conosce cosa voglia dire essere parte di una Società storica come la nostra, che sicuramente potrà infondere questo spirito a chi di nuovo arriverà nel corso del mercato, dando invece continuità al rapporto con chi c’era già. Lo ha detto anche il Mister poi che avere a disposizione una figura come la sua è un valore aggiunto”.
Ricordiamo come nella prima giornata di campionato il confermato Team Manager del Guerriero non potrà sedersi in panchina vista la giornata di squalifica rimediata nella Finale Play-Off".