Savoia, Mister Parlato: "Parliamo meno, restiamo lucidi e continuiamo per la nostra strada"

23.01.2020 21:30 di Marco Piccinni   Vedi letture
Carmine Parlato
Carmine Parlato

In un’intervista redatta e riportata direttamente dai Canali Comunicativi del Savoia, il tecnico degli oplontini Carmine Parlato, si è soffermato sul momento della sua squadra e su quella che dovrà essere d'ora in avanti la condotta in campo e fuori dei Bianchi, senza scivolare in polemiche assolutamente destabilizzanti e controproducenti.

Questi alcuni dei passaggi dell'intervista rilasciata quest'oggi dall'Allenatore degli oplontini.

"Il nostro imperativo d’ora in poi sarà innanzitutto estraniarci da ogni tipo di polemica. Sarò ripetitivo, ma gli errori arbitrali ci saranno sempre. Lo dico spesso ai miei ragazzi, anche se ognuno di loro vive le proprie emozioni in campo e bisogna saperle gestire, essere più forti delle eventuali ingiustizie e rimanere lucidi sino al triplice fischio di ogni gara.
Noi dobbiamo pensare solo ed esclusivamente al campo. Capisco però che sia indirettamente umano farsi prendere dalla rabbia e dalla preoccupazione, nel momento in cui si subiscano delle evidenti ingiustizie. Ma dobbiamo essere superiori anche a questo e starne fuori, sperando che qualcuno dei nostri non ci resti dentro. Parliamo meno ed aumentiamo la concentrazione quando scendiamo in campo di Domenica, è l’unica cosa saggia da fare. Siamo al quindicesimo risultato utile consecutivo ed è necessario continuare questa striscia positiva, cercando di colmare il gap dalla vetta.
È stato un vero peccato non aver tramutato in rete le tante azioni da gol create contro il Marina di Ragusa, ma non dobbiamo abbatterci. Solo lavorando duramente si esce dai momenti complicati. Poi la fortuna, tante volte, dobbiamo andarcela a prendere da noi stessi, confidando sul fatto che arrivi il momento in cui girerà anche per noi.
I miei ragazzi stanno dando tutto ogni Domenica e sono certo che sarà così anche a Marsala, dove dovremo affrontare una trasferta molto difficile, così come lo sono state le ultime. Il Girone di Ritorno è e sarà tremendamente più difficile di quello d’Andata, visto che i valori si equivalgono molto di più andando avanti nella Stagione. Però, ricordo sempre una cosa ai miei ragazzi, ossia che le partite si vincono con la testa e non con le gambe. Prepariamoci bene come al solito, lasciamo ogni forma di polemica agli altri e teniamo lontano dal nostro spogliatoio qualunque tipo di diatriba mediatica, restando concentrati sui tre punti da conquistare la Domenica, continuando per la nostra strada e dando il massimo sempre. A fine Stagione poi, tireremo le somme e valuteremo in che modo saremo riusciti a concludere il Campionato".