Livorno, l'annuncio del CdA: "Vista la difficoltà per dar seguito alla continuità aziendale, tutto il Consiglio ha rassegnato le dimissioni"

24.06.2021 00:28 di Marco Piccinni   Vedi letture
Livorno, l'annuncio del CdA: "Vista la difficoltà per dar seguito alla continuità aziendale, tutto il Consiglio ha rassegnato le dimissioni"
© foto di A.S. Livorno Calcio 1915

Il futuro del Livorno Calcio appare sempre più incerto e nebuloso. L'assemblea che doveva tenersi ieri, mercoledì 23 giugno, è stata rimandata a causa dell'assenza di alcuni soci. Per di più, l'intero CdA ha rassegnato le dimissioni.
Per il 2 luglio è stata convocata una nuova assemblea dei soci e all'ordine del giorno c'è anche l'eventuale messa in liquidazione del club.
Nella riunione mancata, i soci erano chiamati a decidere sia l'approvazione del bilancio sia un eventuale aumento di capitale da 1,4 milioni di Euro. Chi avesse messo sul tavolo questa cifra si sarebbe preso l'intero pacchetto azionario. Niente di tutto ciò è stato possibile e tutto è stato rimandato al 2 luglio, termine ultimo per salvare la Società labronica che si sta dirigendo verso un fallimento che molti tifosi stanno invocando, vedendolo come unica vera "salvezza". Tra poco meno di 10 giorni i soci saranno chiamati a deliberare sugli stessi argomenti di ieri e se non si troverà un accordo si aprirà la strada della messa in liquidazione.

Di seguito, la Nota Ufficiale redatta e diramata a cura dell'Ufficio Stampa dell'A.S. Livorno Calcio 1915.

"Il Presidente del CdA, vista la richiesta di integrazione della documentazione a supporto del bilancio e la parziale assenza dei soci, ha deliberato di convocare l’Assemblea per il giorno 2 luglio, con all’ordine del giorno l’approvazione del bilancio, l’aumento di capitale o, in alternativa, la messa in liquidazione della Società, oltre al rinnovo delle cariche sociali.
Vista la difficoltà per dar seguito alla continuità aziendale, tutto il CdA ha rassegnato le dimissioni".