Palermo, Gianmarco Corsino: "Ringrazio chi mi ha sempre incoraggiato a non mollare. Qui, Società e tifosi di Serie A: spero di continuare a far parte di questa grande famiglia"

30.04.2020 22:30 di Marco Piccinni   Vedi letture
Gianmarco Corsino
Gianmarco Corsino

All'interno di un'intervista rilasciata a beneficio dei Canali Comunicativi Ufficiali della SSD Palermo Calcio, Gianmarco Corsino, ha espresso il suo pensiero rispetto alla tristissima situazione che si sta vivendo in questo momento nel mondo intero. Oltre a questo, sono molteplici le tematiche affrontate dal 28enne centrocampista palermitano, dalle proprie considerazioni rispetto alla struttura societaria e al percorso sin qui concretizzato dalle Aquile, passando per dei ringraziamenti dedicati a chi gli è stato vicino nei momenti più difficili, fino ad arrivare agli auspici che lo riguardano con riferimento al proseguimento di carriera.

Di seguito, il contenuto integrale dell'intervista rilasciata nei giorni scorsi da Gianmarco Corsino.

"Siamo consapevoli che questi siano giorni decisivi per il futuro dell'Italia e, di conseguenza, del Calcio. Speriamo di conoscere presto le direttive che verranno promulgate dalle istituzioni per la ripresa dell'attività agonistica, nel frattempo, noi calciatori rosanero, continuiamo ad allenarci sodo individualmente. L'unica certezza che abbiamo è la forza della nostra Società, che fin dall'inizio dell'emergenza ha sempre manifestato la propria ferma volontà di ricominciare al più presto, grazie alle solide disponibilità economiche ed organizzative che sono alla base, a tutti i livelli, per la ripartenza del Calcio, in sicurezza.
Sono rammaricato, perché poco prima del lockdown mi stavo finalmente aggregando al gruppo. Sono clinicamente guarito da tempo e non vedo l’ora di tornare a sudare correndo dietro al pallone. Voglio ringraziare tutti quelli che mi sono stati vicino negli scorsi mesi, in particolare l'intero Staff Medico guidato dal Dott. Matracia, i preparatori atletici Petrucci e Pillitteri ed i tifosi, che sui Social mi incoraggiavano a non mollare. In quel periodo ho provato a ripagare questo affetto con la mia positività ed energia, prima di ogni gara casalinga ho sempre incitato i miei compagni negli spogliatoi fino al calcio d'inizio ed ero il primo ad aspettarli per un abbraccio a fine partita. Se non avessi subito questo grave infortunio avrei sicuramente potuto dare qualcosa di più anche in campo, ma nonostante tutto, questa seconda esperienza al Palermo rappresenta il punto più alto della mia carriera. E' un orgoglio, per me, aver vissuto in prima persona la rinascita del Club dieci anni dopo un altro storico evento, ovvero lo Scudetto vinto con la Primavera di Mister Pergolizzi. Insieme, ricordiamo spesso quel giorno memorabile, entrambi siamo sicuramente cresciuti nei rispettivi ruoli, ma è impossibile non provare nostalgia per quella gioia. Oggi, grazie alla passione del Presidente Mirri e del Vicepresidente Di Piazza, c'è finalmente un grande senso di appartenenza e di palermitanità a tutti i livelli, tra i calciatori, così come tra i vari Staff. Ovviamente, è inevitabile avvertire una maggiore responsabilità e dobbiamo essere i primi a dare tutto per questi colori. Anche chi viene da fuori si è ambientato al meglio, lo dimostra il fatto che siamo un gruppo molto unito, nonostante le tante differenze anagrafiche e geografiche. Complice anche l'avvio di stagione esaltante, nel nostro spogliatoio c’è sempre stata allegria, e nei momenti di difficoltà siamo riusciti a trovare insieme le giuste soluzioni. Fondamentale è stata la competenza e la presenza assidua dei Direttori Sagramola e Castagnini, due fuoriclasse che con la Serie D non hanno nulla a che vedere. Durante il mio stop mi hanno manifestato di continuo il proprio affetto e fatto sentire importante: queste, sono soddisfazioni che non hanno prezzo.
Questa squadra merita il salto di categoria, così come è stato dimostrato sul campo fin dalla prima Giornata di campionato, grazie anche al nostro pubblico da Serie A. Il mio sogno è quello di poter continuare a far parte di questa famiglia, che sentirò per sempre mia. I tifosi rosanero possono pensare in grande, torneremo finalmente ad abbracciarci ed a gioire insieme".