FC Giugliano-Palermo. Mister Agovino: "Il Palermo deve lavorare, non meritavamo la sconfitta!"

01.12.2019 20:20 di Maria Esposito   Vedi letture
FC Giugliano-Palermo. Mister Agovino: "Il Palermo deve lavorare, non meritavamo la sconfitta!"

Il calore del “Vallefuoco” non basta, il Giugliano capitola 1-0 col Palermo -  Gara sbilenca per i padroni di casa, decisa dalla rete di Felici, l’amarezza è l’unica protagonista della giornata giallo blu’. Tripudio e dedica al Presidente Sestile fa da cornice al big match di oggi. Prima sconfitta casalinga per gli undici di Agovino che al termine della gara trovano conforto sotto al settore dei propri sostenitori che instancabili, li hanno ringraziati per aver degnamente onorato la maglia.

Secondo passo falso consecutivo per il Giugliano, dopo il Savoia, cade tra le mura amiche a causa  di una disattenzione difensiva. Una partita in cui la squadra di casa ha attaccato con intensità, ha pressato bene, sempre in linea coprendo bene le distanze. I rosanero sono stati cinici e fortunati a capitalizzare un’uscita di Mola che nonostante avesse avvertito i suoi difensori, carambola sugli stessi e l’accorrente Felici, sfrutta il rimpallo e insacca l’unica rete della partita.

Queste le parole di mister Agovino al termine della gara:

Oggi uscire dal campo senza neanche un punto, fa male al cuore. Volevamo regalare una grande prestazione al nostro Presidente (Salvatore Sestile), ci teneva tantissimo, ci simo riusciti in parte, il risultato non ci ha dato ragione. Perdere questa partita ci fa veramente male al cuore. Il Palermo ha avuto qualche occasione sulle individualità, noi attraverso il gioco abbiamo creato qualcosina in più mettendoli in difficoltà, solo che molte volte , come ho detto nello spogliatoio ai ragazzi, ci mancano gli “occhi della tigre”, per fare gol bisogna avere quella voglia di farlo, bisogna essere arrabbiati e noi in questo abbiamo peccato pagandolo a caro prezzo”- continua sulle prestazioni in generale della sua squadra – “Il Giugliano non ha mai fatto male, escludendo Castrovillari, è una squadra in crescita, sa giocare a calcio, ha delle idee, poi magari i risultati non ci danno ragione a volte gli episodi cambiano le partite, l’uscita del portiere oggi ha portato al vantaggio rosanero. Nel primo tempo in campo c’era solo il Giugliano, squadra corta, in fase difensiva abbiamo pressato bene, abbiamo fatto delle coperture perfette, concesso zero. Unico rammarico di oggi è quello di aver mancato di cattiveria negli ultimi centimetri sotto porta, sprecando diverse occasioni, a noi manca quel pizzico di personalità”.

Sul Palermo afferma: “Ha vinto, c’e da lavorare come io dovrò lavorare con il Giugliano. Se è primo qualcosa avrà, ma oggi il Palermo non mi ha entusiasmato, ho sofferto più in altre partite. Oggi meritavamo ampiamente il pari, è la prima volta che non segniamo in casa”.