Grassina, Edoardo Mazierli: "Infortunio arrivato nel mio momento migliore. Peccato, tornerò il prima possibile"

10.03.2020 14:00 di Marco Piccinni   Vedi letture
Grassina, Edoardo Mazierli: "Infortunio arrivato nel mio momento migliore. Peccato, tornerò il prima possibile"

Una delle punte di diamante del "Grassina dei record" è stato ed è senza dubbio Edoardo Mazierli. Il 26enne centravanti fiorentino ex Aglianese, autore sin qui di 9 centri in 26 presenze ufficiali stagionali, è incappato purtroppo in un gravissimo infortunio subito Domenica 16 Febbraio durante il match interno contro il Flaminia, che lo costringerà a star fuori almeno sino all'inizio della prossima annata sportiva.
Mazierli, giustiziere di diverse squadre che se lo sono ritrovato contro durante questo Campionato, ha ritrovato un po' il sorriso dopo aver superato con successo l'intervento al legamento crociato rotto in quella circostanza, un intervento a cui si è sottoposto lo scorso Sabato presso Villa Cherubini.

Il Bomber rossoverde, si è raccontato sui Canali Ufficiali del Club di Patron Paolo Casini.
Queste le sue parole:

"L'intervento è perfettamente riuscito. Da Domani inizierò la fisioterapia e spero di poter riprendermi al cento per cento. L’infortunio è stato di quelli brutti, una rottura del crociato è sempre traumatica, ma per fortuna menisco e collaterale erano a posto.
Dovrei riuscire a prendere parte senza problemi alla preparazione estiva. Il mio unico pensiero ora è quello di tornare al massimo della forma il prima possibile, per poter dare di nuovo il mio contributo alla squadra.
È stato un peccato non aver potuto giocare contro l'Aglianese, contro una squadra che mi è rimasta nel cuore. Avrei voluto essere lì anche io, a lottare nel fango con i miei compagni. Per quanto riguarda la gara, posso dire che abbiamo disputato un’ottima partita, meritando la vittoria e giocando al massimo delle nostre possibilità, in un campo ai limiti dell’impraticabilità. Resta il rammarico per quel rigore all’ultimo secondo che l'Arbitro non si è sentito di assegnarci, ma prendiamo volentieri il pareggio che è maturato, che ci permette di restare al terzo posto solitario.
Le distanze in cima alla classifica sono estremamente corte. Noi vogliamo continuare a correre, sapendo che a otto gare dalla fine può ancora succedere di tutto. Guardando il calendario notiamo la presenza di intrecci interessanti, a partire dallo scontro diretto col Grosseto che giocheremo in casa. Mancano 24 punti, un numero enorme: gli equilibri di questo Girone possono ancora essere stravolti.
Personalmente invece, direi che ho toccato il mio picco con la doppietta al Monterosi: nel mese di Gennaio sentivo girare il motore al massimo, così come nella gara contro la Sangiovannese della settimana successiva. L’infortunio, purtroppo, è arrivato nel mio momento migliore, questo il mio rammarico più grande".