EDITORIALE TSD - Taranto e Mantova grandi deluse, conferme per Cerignola e Turris. Cesena, Lecco, Avellino e Pergolettese si giocano la Poule scudetto

SEGUI TUTTOSERIED.COM, IL PRIMO SITO DEDICATO ALLA SERIE D. PORTALE DEL NETWORK TUTTOMERCATOWEB
23.05.2019 19:00 di Massimiliano Fina   Vedi letture
EDITORIALE TSD - Taranto e Mantova grandi deluse, conferme per Cerignola e Turris. Cesena, Lecco, Avellino e Pergolettese si giocano la Poule scudetto

"Parole, parole, parole" direbbe Mina, ma questo finale probabilmente c'è chi a Taranto l'aveva già predetto anzitempo. L'ultimo atto dei rossoblù finisce a Cerignola nel peggiore dei modi: una manita o meglio uno schiaffo morale in piena regola... soprattutto per una città e un tifo speranzosi, ogni anno, di un possibile salto di categoria. Ma guai a giocare con i sentimenti della tifoseria. Mancanza di progettualità, oltre che di figure preparate a ricoprire determinati ruoli. Sarebbe troppo facile ora scaricare a massa le colpe su un singolo (l'allenatore)... e cosa resta? Un mucchio di polvere in mano. Sicuramente ognuno avrà le sue responsabilità, ma non si può colpevolizzare soltanto un allenatore, che saluterà la città e i tifosi nel corso di una conferenza stampa organizzata nella mattinata di domani presso lo stadio Erasmo Iacovone. Le sue colpe? Probabilmente aver cambiato ogni settimana formazione, soprattutto il centrocampo, che nel calcio ha il ruolo di collante e deve fare la differenza. Basti pensare che nella stagione precedente, uomini come Manzo e Massimo, nel centrocampo a tre, a Cava dei Tirreni, avevano vinto la finale play-off proprio contro i rossoblù. Non convincono anche alcune scelte di formazione fatte nelle ultime gare di campionato, oltre che nella sfida del Monterisi, seppur il Taranto sia arrivato incerottato a Cerignola. La squadra di calcio è lo specchio della città! 

L'altra delusa dai play-off è senza ombra di dubbio il Mantova: tutto fumo e niente arrosto. Una stagione che sembrava destinata a regalare solo soddisfazioni, e che ha invece ha portato solo ad un epilogo molto amaro. Dopo la mancata promozione in Serie C, è arrivata l'ultima stoccata: la sconfitta interna contro la Pro Sesto nella finale che ha mandato "alle ortiche" ciò che di buono era stato fatto in stagione. Nonostante lo choc dell'ultima gara, il presidente dei biancorossi ha assicurato la volontà di continuare il progetto iniziato lo scorso anno con la massima serenità.

Poule scudetto e play-off: Cerignola e Turris hanno confermato i pronostici della vigilia, onorando un mini torneo che, probabilmente, non porterà a nulla. Altre squadre hanno dimostrato di essere già in vacanza. Il Modena, dopo l'esonero di Bollini, ha raggiunto la finale play-off che giocherà contro la Reggio Audace. Stessa sorte per Matelica e Lanusei (le favorite dei Gironi F e G) che a fatica hanno superato le dirette concorrenti conquistando la finale.

Per quanto riguarda la poule scudetto tra le vincitrici dei gironi regna lo spettacolo: Lecco, Cesena ed Avellino volano in semifinale, mentre la Pergolettese passa come migliore seconda. Si inizierà venerdì 31 maggio, mentre la finale si disputerà il 2 giugno. Nell'Avellino spicca il solito Alessandro De Vena, decisivo nella vittoria per 1-0 contro il Bari: l'attaccante, al suo 23esimo sigillo in campionato, ha permesso ai lupi di agguantare un posto nelle Final Four. Derby pazzo tra Lecco e Como: un finale thriller con la squadra di Banchini che è riuscita a recuperare 3 gol di svantaggio alla formazione di Gaburro, fino a sfiorare addirittura il colpaccio che avrebbe garantito l'accesso tra le migliori quattro. Il Cesena ha confermato quanto di buono fatto in stagione, si è sbarazzata con un secco 3-1 della Pergolettese, a cui bisogna soltanto inchinarsi di fronte alla stagione perfetta. Un plauso al suo allenatore, il vero trascinatore di questa squadra, che ha permesso ai gialloblù di ottenere risultati incredibili... come la semifinale nella Poule scudetto!