UFFICIALE - Budoni scatenato: finalizzati ben quattro nuovi tesseramenti

23.01.2020 10:00 di Marco Piccinni   Vedi letture
UFFICIALE - Budoni scatenato: finalizzati ben quattro nuovi tesseramenti

Non ha nessuna voglia di arrendersi ad una classifica deficitaria questo Budoni, attualmente collocato al terzultimo posto nella classifica del Girone G, con gli stessi punti della Pro Calcio Tor Sapienza penultima, sfavorita dall’aver perso il primo confronto diretto stagionale disputato contro il Club gallurese.
Tre punti più giù ci sono il Ladispoli e il fondo della classifica, molto più lontano il 12º posto e la zona-salvezza, in questo momento distante nove lunghezze. Ma i bianchi di Mister Raffaele Cerbone sono decisi ad invertire la rotta e già nell’ultimo match pareggiato per 3-3 sul campo del Trastevere con una rimonta finale pazzesca, si sono visti dei chiari segnali di ripresa, si è potuto apprezzare una squadra viva e compatta, che nonostante determinate carenze, è pronta a giocarsi la permanenza sino in fondo.
Con questo obiettivo ben chiaro in testa, la Società ha scelto di non lasciare nulla di intentato e con l’attivissimo Direttore Sportivo Renzo Oggianu, ha chiuso ben quattro colpi di mercato nelle ultime ore.
In prestito dall’Olbia è arrivato Luca Pittorra, centrocampista nuorese classe 2001 scuola Cagliari. Mentre dall’elenco degli svincolati è stato "pescato" l’esterno d’attacco classe '99, Simone Soro.
Il primo, non potrà essere impiegato nei prossimi due impegni di Campionato contro Team Nuova Florida e Ladispoli, in quanto dovrà scontare ancora un residuo di due giornate di squalifica prese ai tempi della Berretti dell'Olbia.
Il secondo invece, è originario di Tempio ed è un atleta ambidestro, cresciuto nelle Giovanili del Santa Teresa di Gallura, passato poi al Bruno Selleri di Olbia e successivamente al Sassari Latte Dolce, segnando sempre un numero cospicuo di gol. Nel prosieguo del suo percorso nel Settore Giovanile, ha poi effettuato il salto nell’Under 15 del Pescara e poi negli Allievi Regionali della Vigor Perconti, per poi approdare in Serie D, a Rovigo, nel Delta Porto Tolle, allenato da un certo Carmine Parlato. Nella scorsa Stagione ha giocato nel Muravera con discreta continuità, chiudendo però anzitempo l’annata sportiva, per via di un infortunio già da tempo messo totalmente alle spalle.
Gli ultimi due arrivi in ordine di tempo invece, sono rappresentati dal croato Ante Melvan e dall’argentino Juan Pablo Grezzana.
Il primo, è un roccioso centrale difensivo mancino classe '98, alto 185 centimetri per 80 chilogrammi, che ha iniziato la carriera in patria con l'NK Val, per poi passare nell'estate del 2018 allo Zagora Unesic. Nel Febbraio del 2019 si accasa al Brda e disputa 12 incontri nella Serie B croata, mentre nell'estate scorsa si è trasferito in Slovenia, andando a giocare con il Drava Dakinda Ptuj.
Grezzana invece, è un duttile centrocampista albiceleste classe '96, di piede destro, alto 185 centimetri per 75 chilogrammi, cresciuto nel Godoy Cruz, prima di passare al FADEP, Club con cui si è laureato campione del Torneo Federal C, la Quinta Serie del Calcio argentino. Nel Gennaio 2019, l'arrivo in Europa per vestire la maglia del Zaragoza FC 2014 nella Divisiones Regionales, (Quarta Serie spagnola), salendo poi in Tercera Division, andando a militare nell'Union Deportiva Fraga, sua ultima esperienza prima dell'arrivo in Sardegna.
Per entrambi questi atleti stranieri, è arrivato il necessario transfer e saranno quindi a disposizione di Mister Cerbone già a partire dal prossimo impegno di Campionato contro il Team Nuova Florida.
Pittorra, Soro, Melvan e Grezzana, rappresentano gli ultimi sforzi operati dalla Società in sede di mercato, sicuramente saranno in grado di fornire un apporto notevole e concreto alla squadra e presto saranno raggiunti da altri nuovi ingressi, così come annunciato dallo stesso Budoni. È stato proprio il Club infatti, a confermare come il DS Oggianu sia ancora attivo e come, a stretto giro di posta, andrà a fornire ulteriori elementi al tecnico di una compagine determinata a lottare, con le unghie e con i denti, per quella che sarebbe un’altra importantissima permanenza in Serie D.